Artista di strada

Artista di strada

Un artista di strada, o in inglese busker, è un artista che si esibisce in luoghi pubblici (piazze, zone pedonali, strade) gratuitamente o richiedendo un’offerta. Le esibizioni sono molto varie e l’unica costante è quella di offrire al pubblico uno spettacolo d’intrattenimento. A titolo esemplificativo, si possono individuare spettacoli di giocoleria, musicali, clown, mimo (con le statue viventi), arte circense, cantastorie, mangia-fuochi, trampolieri.

Oggigiorno, con l’industria dell’intrattenimento che indirizza verso forme più istituzionalizzate di svago, prodotte con grandi mezzi e tecnologie anche molto sofisticate, gli artisti di strada sono molto più rari di un tempo, quando non vi erano radio o televisione e gli spettacoli di strada costituivano un’attrattiva immancabile in ogni festività.

Nel diritto romano
La prima legge che regolava gli artisti di strada la troviamo nell’antica Roma nel 462 a.C..

Le leggi delle dodici tavole prevedevano, come forma di reato, eseguire in pubblico parodie o canti diffamatori nei confronti di qualcuno. La sanzione era la morte.

Negli Stati Uniti d’America
Negli Stati Uniti e nell’Unione europea la tutela garantita alla libertà di parola è estesa alle forme artistiche proposte da tali artisti. Negli Stati Uniti i luoghi tipici per manifestazioni di tal genere sono i parchi, le piazze, i marciapiedi.

Nel Regno Unito
Nel Regno Unito alcune città regolano, attraverso una specifica normativa, l’attività degli artisti di strada. In alcuni casi vi è l’obbligo di prendere una licenza, dietro un’audizione. In altri casi è sufficiente la richiesta di un permesso unicamente nel caso di amplificatori o vi è il divieto di superare determinati limiti di volume. È generalmente riconosciuto il divieto di protrarre tali manifestazioni artistiche oltre una certa ora. Vi è un divieto di eseguire spettacoli che possano offendere la morale pubblica e che, in alcuni casi, possono comportare la consumazione di illeciti anche di natura penale.

Artista di strada a Mosca (Russia)
Per quanto riguarda l’Italia, l’abrogazione nel 2001 dell’articolo 121 del TULPS, che disciplinava l’esercizio di tale attività attraverso l’iscrizione degli artisti di strada in appositi albi presso il loro comune di residenza, ha di fatto creato un vuoto legislativo. Ora ogni amministrazione comunale riempie come meglio crede tale vuoto legislativo: si va dall’assoluto divieto all’adozione di specifica delibera. Il panorama giuridico, pertanto, è variegato e frammentato.

In Italia
In Italia, la prima delibera in una grande città venne approvata a Roma nel 2000, su impulso del consigliere Pino Galeota e degli artisti di strada riuniti nel Co.R.A.S. (Coordinamento Romano Artisti di Strada); nel corso della presentazione della delibera è intervenuto a prendere la parola anche Dario Fo, al tempo da poco insignito del premio Nobel. Nello stesso anno, il regista Wladimir Tcherkoff realizzò per la Televisione della Svizzera Italiana un film documentario sulla situazione dell’arte di strada romana dopo la delibera, dal titolo La strada come palcoscenico. Nel decennio successivo, a causa della massiccia immigrazione, il quadro sociale degli artisti di strada a Roma mutò profondamente rendendo necessario un aggiornamento del regolamento; è stata quindi realizzata una nuova delibera nel 2012 per mano dell’Assessore alla Cultura Dino Gasperini, ma questa è stata contestata dal movimento “Strada Libera Tutti” formato dagli artisti di strada romani, che ha fatto ricorso al TAR ottenendo l’abrogazione dei due articoli in cui, indipendentemente dall’uso che ne veniva fatto, si vietava l’uso di amplificazioni di qualsiasi tipo e di strumenti a fiato e a percussioni di qualsiasi genere.

Milano, nel 2012, a prima firma Luca Gibillini (Sel) ha approvato il più avanzato regolamento[6] ad ora esistente in Italia, attraverso il sistema delle turnazioni, una mappatura di oltre 250 luoghi dove esibirsi e soprattutto l’introduzione della prima piattaforma online dove è possibile registrarsi, iscriversi e monitorare tutte le esibizioni in tempo reale. Attraverso il regolamento e la piattaforma Milano è stata proclamata da una ricerca internazionale[8] la terza miglior città al mondo per arte di strada. Questo sistema è stato però contestato, in quanto secondo alcuni il software che gestisce la prenotazione delle postazioni di spettacolo ha un funzionamento che penalizza fortemente la qualità della proposta artistica, incoraggiando l’esibizione di figure non professionali.[

A livello regionale solo il Piemonte e la Puglia hanno redatto un’apposita legge regionale per promuovere e valorizzare l’arte di strada.

Share